LA DOMENICA DI DON VALE

Domenica 27 novembre 2022 - Prima di Avvento
Mt 24,37-44
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata.
Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo»
<> 
<> <> <> <> <> <> <> <> <> <> <> <> <> <> <>

Signore Gesù, nostra Salvezza, Tu ci chiami a vegliare, a vigilare, ad attenderti, a fare della nostra vita un cammino in cui è ben chiara la meta e il desiderio di raggiungerla.
Vigilare per non lasciarsi confondere dalle troppe voci che non sono la Tua. Vegliare per non perdere la Strada, che sei Tu, Signore.
Vegliare per non cadere nel sonno dell’indifferenza e dell’abitudine, per attendere Te Signore, che ogni giorno passi silenzioso nella nostra vita.
Donaci Gesù di vivere questo tempo di Avvento come prezioso dono per prepararci alla Tua venuta nel Natale.
L’attesa si colmi del Tuo Amore, il desiderio della Tua venuta ci accompagni nel cammino.
Tu vieni a visitarci per fare di noi creature nuove. Signore Gesù, aiutami a prepararti la strada, perché il tuo desiderio sia pienamente corrisposto.
                                                         Sms di don Valentino Porcile

CATECHESI DEL MERCOLEDI' DI PAPA FRANCESCO

Mercoledì 23 novembre 2022
Il discernimento (9): La consolazione
La consolazione è una pace tale ma non per rimanere lì seduti godendola, no, ti dà la pace e ti attira verso il Signore e ti mette in cammino per fare delle cose, per fare cose buone. In tempo di consolazione, quando noi siamo consolati, ci viene la voglia di fare tanto bene, sempre. Invece quando c’è il momento della desolazione, ci viene la voglia di chiuderci in noi stessi e di non fare nulla. La consolazione ti spinge avanti, al servizio degli altri, alla società, alle persone. La consolazione spirituale non è “pilotabile” – tu non puoi dire adesso che venga la consolazione, no, non è pilotabile – non è programmabile a piacere, è un dono dello Spirito Santo: consente una familiarità con Dio che sembra annullare le distanze
UDIENZA DI PAPA FRANCESCO 23 NOVEMBRE 2022

INGRESSO DI DON GIANDOMENICO A SAN PIETRO ALLA FOCE

Domenica 13 novembre ore 15.30
Il vescovo ausiliare don Niccolò Anselmi celebra la Santa Messa per l'ingresso ufficiale di don Giandomenico Torre come nuovo titolare della parrocchia dei Santi Pietro e Bernardo alla Foce

Cari fratelli e sorelle,
buon cammino
insieme!
Siate aperti
alle sorprese
dello Spirito,
alla grazia
dell’incontro,
dell’ascolto reciproco,
del discernimento.
Con la gioia
di sapere che
è il Signore
il primo
a venirci incontro
con il suo amore
#Synod
#ChiesainAscolto
PAPA FRANCESCO
@Pontifex.it  17 ott 2021

Newsletter

Inserisci i tuoi dati per essere inserito nella newsletter parrocchiale e rimanere sempre aggiornato con le ultime novità.